23/11/2017 - PRIVILEGIO PER SPESE DI GIUSTIZIA AL CREDITORE ISTANTE PER LA DICHIARAZIONE DI FALLIMENTO

La Corte di Cassazione con sentenza del 23.12.2016 (pubblicata il 07.09.2017) ha riconosciuto il privilegio per le spese di giustizia (spese, competenze ed onorari del procuratore) al credito maturato per l’attività relativa alla richiesta di fallimento.

La pronuncia si basa sul sostanziale parallelismo tra il creditore procedente nell’esecuzione singolare ed il creditore istante nella procedura concorsuale tale da attribuire a quest’ultimo il diritto alla ripetizione prelatizia delle spese sostenute per l’esercizio dell’unico mezzo consentitogli al fine di recuperare il proprio credito, mezzo, in ogni caso, utile anche agli altri creditori (che gioveranno della sottrazione dei beni alla disponibilità del debitore e alla loro destinazione al soddisfacimento dei propri crediti).

 

Per ulteriori informazioni è possibile contattare lo studio attraverso l'apposito form, nella sezione contatti.

avv. Claudio Peretti