17/01/2019 - UNA RECENTE SENTENZA DELLA CASSAZIONE TORNA A CHIARIRE QUANDO UNA SOSTANZA PUO ESSERE CONSIDERATA UN SOTTOPRODOTTO E NON UN RIFIUTO

La Corte di Cassazione, con la sentenza n. 39400/2018, ha precisato che, al fine della qualificazione di una sostanza come rifiuto o un sottoprodotto, è l’interessato all’utilizzo di tale sostanza che deve provare che siano presenti e rispettati tutti i requisiti previsti dall’articolo 184-bis del decreto legislativo 152/2006 (Codice Ambientale).

Leggi tutto...

24/05/2018 - LA CASSAZIONE INTERVIENE IN MATERIA DI DELEGA AMBIENTALE

Con sentenza 20 novembre 2017 n. 52636 la Corte di Cassazione è intervenuta in merito al tema delle deleghe ambientali, annullando una sentenza del giudice di merito che aveva condannato il direttore tecnico di uno stabilimento industriale, in concorso con il soggetto delegato delle funzioni ambientali, per violazione delle prescrizioni contenute nell’autorizzazione integrata ambientale.

Leggi tutto...

26/07/2018 - REATI AMBIENTALI: SOLO IL MINISTERO DELL’AMBIENTE PUÒ CHIEDERE IL RISARCIMENTO DEL DANNO AMBIENTALE DI NATURA PUBBLICA

La Cassazione, con la sentenza n. 6727 del 12 febbraio 2018, ha stabilito che, in caso di reato ambientale, legittimato a chiedere il risarcimento del danno ambientale di natura pubblica è solo lo Stato attraverso il Ministero dell’Ambiente.

Leggi tutto...

22/02/2018 - IL MEF FORNISCE CHIARIMENTI IN MERITO ALL'APPLICAZIONE DELLA TASSA SUI RIFIUTI (TARI)

Come noto la TARI (Tassa sui rifiuti) è composta da una parte fissa, determinata in relazione alle componenti essenziali del costo del servizio, e da una parte variabile, rapportata alle quantità di rifiuti conferiti.

Leggi tutto...